Saggezze al saggio

30 maggio 2013

Mentre assisto all’annuale concerto della scuola di mia figlia, mi chiedo cosa ci sia di saggio nei saggi di fine anno.Poiché mia figlia è disabile e frequenta una scuola speciale, me lo consiglia il groppo in gola. Un groppo che sicuramente attanaglia qualsiasi altro genitore al saggio del proprio figlio. Ma è diverso... (continua)
Grazie a Christian Uccellatore e a Sguardi periferici, ecco i video della conferenza su Giovani e socialmedia che ho tenuto il 14 giugno 2013 durante l’evento I-Generation organizzato dai Centri Giovani di Monza.La qualità delle immagini non è eccellente, del resto non migliorate dalla scelta del soggetto… Però l’audio è ottimo. Il tempo complessivo dei video non supera i 40 minuti. In realtà mi sembrava di aver parlato molto di più, ma forse saggiamente chi ha provveduto a mettere on line l’intera conferenza, ha tagliato qua e là cose evidentemente del tutto superflue (continua)

reblog

I post smarriti negli archivi dei vari blog che ho aperto, chiuso, frequentato in tanti anni, sono molti. Magari è meglio così. Magari qualcuno tra molti vale la pena di ripescarlo e tornare a rileggerlo. In questa pagina piano piano ne riblogglerò qualcuno.

Si accettano, ovviamente, suggerimenti e segnalazioni

 

(gli ultimi reblog sono in sempre in fondo alla pagina)

Prendi un adolescente, una mamma blogger del Massachusetts che si occupa di problemi familiari e che scrive, fra l’altro, sull’Huffington Post, un modernissimo e prestigioso aggeggio elettronico in regalo per Natale e un bel disclaimer sulle regole e le condizioni d’uso. Poi infila il tutto nel forno web più vicino e fallo frullare per qualche giorno. Infine toglilo dal forno con cura badando a non scottarti le dita. Ne verrà fuori un bello sformato pedagogico in salsa americana... (continua)
Breve e graffiante post di diversi anni fa. Ero agl inizi della mia attività di blogger. Perchè ripostarlo...? perchè l'altro giorno davanti al centro che frequenta mia figlia ho rivisto la stessa scena. Che temo nel tempo vada semmai facendosi più frequente. In questo caso la nonna era anche claudicante e appoggiata a un bastone...